“Posso curare sua figlia con le erbe!”

Essere genitore non è mai facile.
Essere genitore di un ragazzo malato di cancro lo è anche meno.
Devono cercare di non far sentire il loro figlio “malato”, devono impedire alla loro disperazione di trasparire, devono proteggere il figlio dalle chiacchiere delle persone stupide. Soprattutto, devono proteggerlo dalle persone pericolose.
Una sera, attorno all’orario di chiusura si presentò al locale di mio padre una persona mai vista prima, un sedicente medico. Gli disse che aveva saputo delle mie condizioni attraverso alcuni clienti del locale, suoi pazienti.
Disse che se gli avessimo dato fiducia, lui avrebbe potuto curarmi con una pianta esotica…certo, sarebbe stato costoso ma…la mia vita non valeva forse molto più di qualsiasi cifra? Disse che la sua cura non mi avrebbe procurato effetti collaterali e che accresceva di molto le possibilità di successo della chemio.
Si, perchè se la proposta ci fosse interessata non avrei dovuto sospendere le terapie, no. Tuttavia, non sarebbe stato opportuno riferire ai medici il mio trattamento parallelo perchè, si sa, certi dottori non sono aperti alle innovazioni e preferiscono bombardare di farmaci pesantissimi i pazienti pur di non ammettere che esistono cure molto più efficaci e senza effetti collaterali…
Mio padre si limitò a rispondergli di andarsene il prima possibile o questa stessa storia avrebbe dovuto raccontarla ai carabinieri.
Vi rendete conto?  Questo individuo, evidentemente, faceva ricerche, scovava i malati e i loro famigliari. Se ci pensate, non è difficile, anche in una grande città le voci corrono in fretta. Tentava di imbrogliarli, spillando migliaia di euro in cambio di…di cosa? Di un’erba esotica in grado di curare il cancro? Ve lo dico io, quella al massimo era erba gatta.

Vi invito a riflettere sulla pericolosità di questo individuo. Vi invito a riflettere sul fatto che come lui ce ne saranno chissà quanti.
Fare leva sulla disperazione di un genitore è un atto orribile, ributtante e meschino. Raggirare un genitore con un figlio malato può essere estremamente facile perchè farebbe di tutto pur di salvarlo.
Nel caso vi dovesse capitare, non date MAI retta a questi soggetti. Se proprio volete togliervi il dubbio parlatene prima con l’oncologo, ma partite dal presupposto che si tratta sicuramente di una tentata truffa.

This entry was posted in Attualità, Bestiario del Chemioterapico, Cancro, Linfoma di Hodgkin and tagged . Bookmark the permalink.

6 Responses to “Posso curare sua figlia con le erbe!”

  1. ziacris says:

    con l'imposizione delle mani, con il sale grosso, con l'olio e chi più ne ha più ne metta

  2. RominaFan says:

    Umh…erbette, sale grosso, olio…stai a vedere che per curare il cancro bastava preparare il sugo e noi fesse ci siamo fatte la chemio!

  3. utente anonimo says:

     La fitoterapia è una cosa seria, e sicuramente ci sono piante, o mix di piante molto efficaci per potenziare gli effetti della chemio o alleviarne gli effetti tossici (Aloe, o Tisana di Caisse), ma il personaggio che è andato da tuo padre ha tutta l'aria del classico truffatore della peggior specie, di quelli che si approfittano delle malattie altrui. 
    E poi, dispiace ammetterlo, ma la cura del cancro efficace e priva di effetti collaterali ancora non esiste 🙁
    Giorgia

  4. RominaFan says:

    Ma certo Giorgia, piante ed erbe possono aiutare a risolvere parecchi acciacchi (io stessa ne faccio uso per risolvere problemi legati alla gastrite) e spesso sono i dottori a consigliarli…però, come dici tu, quello era proprio un truffatore della peggior specie…che schifo…

  5. Ruben says:

    Che poi, alcuni principi attivi con cui ci siamo curati provengono già dalle piante…
    Se pensiamo alla pervinca, che ci “dona” molecole come la vinorelbina, la vinblastina e la vincristina…

  6. Anna says:

    A me un conoscente, tra l’altro dopo essersi “lamentato” di non averlo saputo prima (io stessa lo sapevo da meno di 48 ore) mi ha proposto di fare delle sedute in cui lui con le mani faceva da “canale all’energia” che mi avrebbe evitato la chemio (ehi… voi lo sapevate che la chemio ha degli effetti collaterali?) anche se poi ha cambiato versione dicendo che potevo farla in contemporanea con la chemio

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *