Il valzer del moscerino – Ovvero: quando il due di picche può traviare

Finalmente, la domanda che ci assillava da anni ha trovato una risposta. Ora sì che potremo andare a dormire tranquilli.
Galit Shohat-Ophir della University of California ha condotto, con la sua equipe, un’imperdibile ricerca i cui illuminanti risultati sono stati pubblicati su Science. Science, mica pizza&fichi.
Il sospetto lo avevamo già da tempo, ma ora la conferma è arrivata: il maschio umano e il maschio del moscerino si somigliano più di quanto il colpo d’occhio possa far credere. Davanti al due di picche, si scopre, reagiscono entrambi con aplomb, maturità e sobria eleganza: dandosi all’alcol.
Ebbene sì. La ricerca dimostra che i moscerini rifiutati dalle femmine, e quindi sessualmente frustrati, hanno un altissimo livello di una molecola nota come neuropeptide F, la variante entomologica del neuropeptide Y che negli esseri umani è connesso all’abuso di alcol e droga, nonché al bisogno di condurre ricerche scientifiche di dubbia utilità.
In pratica, mentre il moscerino appagato cerca al massimo una sigaretta e qualche coccola, in quello respinto questa molecola innesca un meccanismo di ricerca di ricompense sostitutive che lo spinge a consumare una consistente quantità di cibi contenenti alcol, come frutta fermentata o bottiglie di alcolici aperte lasciate in giro. Come dire, mi è andata buca con la moscerina ma intreccio una relazione alternativa con un consolatorio fiasco di Chianti e non ci penso più. Ora è finalmente chiaro perché i moscerini hanno la tendenza a fare Harakiri sui parabrezza delle automobili: è che sono sbronzi, porelli. Son le pene d’amore.
La prossima volta che orde di moscerini tenteranno tuffi carpiati con doppio salto mortale all’interno dei nostri bicchieri, cerchiamo di essere comprensivi. Tutti, senza eccezioni, almeno una volta abbiamo provato quello che sentono loro in quel momento!

This entry was posted in Animali, Attualità, Buffe cose della vita, Piccoli Piaceri della Vita. Bookmark the permalink.

13 Responses to Il valzer del moscerino – Ovvero: quando il due di picche può traviare

  1. Ilaria says:

    Ah ah ah!! Romina non hai idea di quante volte, durante i primi 3 anni di Medicina, mi sono imbattuta in questi moscerini!! I libri ne sono così pieni che a volte ti viene da domandarti se farai il medico o l’entomologo.. Perchè, sì, questi moscerini hanno molte somiglianze genetiche con l’uomo, ma questa dell’alcolismo mi mancava!! Peccato non aver letto questo post per sopravvivere durante lo studio del primo temutissimo esame di citologia! Mi sarebbe sicuramente risultato più simpatico!

  2. rita says:

    A parte che solo Tu scovi certe notizie….effettivamente avevo da tempo perso il sonno, nel cercare di capire perchè tutti questi moscerini si ubriacavano come spugne….eh, non ci sono più le moscerine di una volta, tutte devote al loro moscerino!! Guarda, essendo nella capitale del riso, e di conseguenza patria dei moscerini, non Ti sto a dire che olezzi di bassa osteria, quando ci ronzano in casa!!
    Mi chiedo però se sono più ubriachi i moscerini sessualmente frustati, gli uomini sessualmente frustrati o gli scienziati…..sì, a questo punto, sì, molto sessualmente frustrati!!!!!!!
    Grazie Romina, mai come oggi avevo bisogno di una pillola di buon umore

  3. RominaFan says:

    Che guaio, Rita, anche perchè l’ubriachezza molesta nei moscerini è una piaga…d’altra parte, da quando è uscito Twilight le moscerine vanno pazze per le zanzare e, come dire, non c’è più trippa per i moscerini!
    Che poi la cosa grave non è che io scovo certe notizie…la cosa grave è che Science le pubblica!
    Comunque, sono del parere che la frustrazione sessuale sia più nociva per i ricercatori, anche perchè l’articolo spiegava anche per quali motivi questa scoperta è completamente inutile per aiutare a gestire il neuropeptide Y degli umani…in pratica è una scoperta fine a se stessa…io comincerei a trovare moscerine umane per i ricercatori…

  4. Attenzione però, c’è anche la vendetta del maschio:

    “… Il liquido seminale maschile ha due effetti sulla femmina: il primo di regolarizzare la percentuale di uova deposte, il secondo di abbassare il desiderio sessuale nella femmina e prevenire così eventualmente l’accoppiamento con un altro maschio, ciò nonostante lo stesso sperma contribuisce anche a minare la salute della femmina abbassandone la durata della vita … ”

    Dalla pagina di Wikipedia dedicata al moscerino della frutta
    http://it.wikipedia.org/wiki/Drosophila_melanogaster

    • RominaFan says:

      Che il maschio, a prescindere dalla specie, nuoce gravemente alla salute non so come mai ma non mi stupisce…hai notizie sul livello di stress delle moscerine? E poi, figurati, anche nelle umane…errare è umano, perseverare è diabolico, ci credo che quelle non si accoppiano più!! SEI UNA SAGOMA!!!!!!!

  5. alecomeale says:

    pensa Romina, questa è una delle ninne nanne preferite della Tata… quando gliela canterò mi ricorderò di te e mi scapperà un sorriso!

    • RominaFan says:

      Diciamo che ormai quella ninna nanna non sarà più la stessa, da ora in poi!! E vorrò vedere cosa risponderai quando Tata ti chiederà perchè il moscerino balla…!!

  6. 4p says:

    Ahahahah, o mamma mia bella mi hai fatto stralunare e sbellicare, non sapevo che la scienza corresse dietro al tempo per avere notizie così “sublimanti”, stanotte dormirò meglio e sognerò un esercito di moscerine alla riscossa.
    4p

    • RominaFan says:

      Uh, una roba illuminante! Non ci resta che scoprire se anche gli scimpanzè non sono in grado di mettere a posto la loro borsa della palestra come i loro omologhi umani o se anche i maschi dei gechi regrediscono di 15 anni quando rimangono più di 10 minuti con i loro amici…

  7. 4p says:

    Ahahahah, mi fai morir dal ridere, tutte verità assolute, pensavo al geco che toglie dal bagno il rotolo finito della carta igienica e lo butta nell’apposito contenitore, sacchetto, o quel che è, della carta, invece di lasciarlo sempre lì e il rotolo nuovo sulla vasca da bagno.
    Il mio gorillone del BioPark, il suo borsone l’avrebbe messo a posto, ci scommetto, ma lui è là.
    4p

    • RominaFan says:

      Cara, i veri Maschi Alfa (quelli con tanto di odore muschiato, intendo) sono delle vere perle. Talmente perle che li chiamano GreyBack. Incontrarne uno e accettare il fatto che non si potrà mai stare assieme è dura. Ti sono vicina…
      Non parliamo di borsoni della palestra. Li hai sentiti gli strilli ieri sera, da Roma? Maschio Alfa arriva e la pianta in mezzo al corridoio, davanti alla porta. Visto che non posso ripetere le stesse cose tutte le sere, la prossima volta che la trovo ancora in giro sai che faccio? La lancio direttamente sopra l’armadio. Se la vuole, prende la scala e la recupera. Vediamo chi si stanca prima. Se non funziona, passo al collare elettrico…

  8. Sara says:

    Romina, sei meravigliosa!!! IO ADORO come racconti le cose… mi immagino in che modo barboso sia raccontato sullo Science questo articolo, scommetto che se invece c’avessero inserito quello che hai riportato tu, con il tuo modo favoloso di scrivere, avrebbero avuto un boom di vendite!!!! Io aspetto ansiosa di comprare un tuo libro… che sia per bambini, adulti o per moscerini!!!! Ti adoro!!!!! tanti baci!!!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *