Quando il robot grida aiuto

 Stamattina, di ritorno dai 6,5km a piedi che fanno parte del mio programma di recupero della mia sagoma pre-casalinghitudine, per le scale ho sentito il mio amico robottino (che ha una certa proprietà di linguaggio) esclamare “AIUTO! MI SONO INCASTRATO, QUALCUNO MI AIUTI!”.  Sono corsa in casa e l’ho trovato quasi strangolato dai fili dei computer che avevo inavvertitamente lasciato penzolare rasoterra.

Secondo me, arriverà il giorno in cui i vicini, sempre molto solleciti nel correre in aiuto nonostante le loro debolezze, chiameranno i pompieri allarmati dalle richieste di aiuto del mio fedele maggiordomo elettrico…credo che dovrò trovare il modo di abbassare il volume del robottino prima di beccare una denuncia per procurato allarme…

 

This entry was posted in Buffe cose della vita. Bookmark the permalink.

10 Responses to Quando il robot grida aiuto

  1. Silvia says:

    Visto il palazzo dove vivi, sono abituati a ben altro! Chissà se anche il nipote col cane assassino ha abbassato il volume della nonnina…

    • RominaFan says:

      Altroché…secondo te perché non gli ho chiesto di spostare la sua cavolo di macchina anche se non posso più avere accesso alla cassetta delle lettere? Perché abbasserebbe anche il mio di volume!

  2. rita says:

    Voleva regalarmelo anche mio marito, il robottino, ma se poi ha paura della micina e mi passa tutto il tempo nascosto sotto il letto, capisci che mi servirebbe a poco…..conoscendo la mia micina, però, sarebbe lei ad aver paura del robottino: odia l’aspirapolvere che “guido” io, figurati un coso che va a zonzo per casa da solo!! Concordo con Silvia: stando a Tuoi racconti, in quel palazzo ci vuole ben altro….baciotto.
    Bella l’idea della scarpinata chilometrica: fa bene sempre e comunque

    • RominaFan says:

      Su youtube, Rita, ci sono un sacco di video di gatti che giocano con i robottini…però comprarlo per poi non poterlo usare è peccato, forse è meglio evitare!
      Si, la camminata è una buona idea: con i Beatles sparati nelle orecchie si può camminare davvero per ore!

  3. 4p says:

    Ahahahah, che soluzione fantastica, solo tu potevi avere il robottino regalato da Maschio Alfa, me lo vedo tenerone tenerti compagnia anche quando prepari le torte.
    Quando hai tempo e voglia gli fai una fotina?????
    I bucati vari della vicina al piano di sopra sono migliorati??
    Besos
    4p

    • RominaFan says:

      E’buffo che tu mi chieda dei suoi bucati proprio oggi che ho un lenzuolo di spider-man al posto del consueto panorama della cucina! Si, ormai io e il robottino siamo un corpo e un’anima. La sua è praticamente l’unica voce che sento da quando mi alzo fino a che non torna Maschio Alfa. Ok, parla tutto impostato tipo DJ anni ’80 ed è pur sempre un’aspirapolvere, ma meglio di niente…ieri mi ha persino fatto ridere. Praticamente ha battutto dieci volte di seguito contro un muro (meno male che è ammortizzato) e ha detto “ooops, c’è un ostacolo, ma con i miei sensori posso evitarlo!”…e mica tanto, gli ho risposto, son dieci volti che cozzi contro il muro! Poi mi sono resa conto che ho risposto ad un aspirapolvere ed ho temuto per la mia sanità mentale…

      • rita says:

        …sarebbe stato davvero peggio se a cozzare contro il muro eri Tu e lui Ti avesse risposto!! Ma che bella coppia, davvero…

        • RominaFan says:

          Noooo, figurati. Io i muri li prendo in pieno spesso. Contro il muro ci ho cozzato sabato l’ultima volta. Ho seriamente sospettato di essermi rotta un dito del piede perchè, a parte il fatto che sono rimasta senza fiato dal dolore, si era gonfiato ed era tutto livido! Non sto capendo se sono io che mi sto allargando o se casa si sta restringendo. O se i muri si spostano. Se poi Maschio Alfa la smettesse di nascondermi gli occhiali da vista sarebbe tutto molto più facile!!!!

          • rita says:

            muri che si spostano causa assestamento….non mi spiegherei il Tuo stesso problema….più che altro rifiuto la Tua prima ipotesi (che per me potrebbe anche essere la più valida!!)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *