Lettera aperta alle linfomerde

Cari Linfobastardi,

come avete sentito, l’ematologa ha detto che state agendo nei limiti di legge e che purtroppo non ci sono gli estremi per agire contro di voi. Dice che, nonostante la vostra presenza, devo stare tranquilla. E tranquilla, nel linguaggio medico, significa che devo fare le analisi ogni tre mesi. Ah, se sapesse la mia professoressa di psicolinguistica dove può arrivare il potere delle “agende nascoste” del linguaggio dei dottori…

Tu, Pablo maledetto, hai distintamente vibrato dall’emozione quando ha detto che ci siete e vi devo tenere. Sappiate, comunque, che siete sotto stretta osservazione.

Dato che dobbiamo continuare a vivere da separati in casa, vi  propongo un patto:

io mi impegno a non dire più brutte cose sul vostro conto e non dirò più che penso siate delle infide merde, voi, in cambio, mi dovrete dimostrare che non lo siete veramente, che avete avuto un momento di sbandamento post-post-post adolescenziale (momento che va avanti dal 2005, quindi fate voi) e che da ora in poi sarete bravi bambini che fanno il loro lavoro e che la smetteranno di ingigantirsi. Questo vale sia per l’accampamento mediastinico, che è in una zona fortemente, come dire, sismica, sia per te, Palbo, e i tuoi amichetti tra collo e gola perchè oltre a farmi preoccupare, mi fate anche la mandibola lievemente asimmetrica e io le asimmetrie non le sopporto proprio. Lo vedete pure voi che quando vado al bar giro piattini e cucchiaini finché non sono perfettamente allineati.

A vigilare sulla nostra onesta condotta, penseranno la signora Ves e la signora C Reattiva.

I patti sono questi. Chi sgarra se ne pentirà amaramente…

This entry was posted in Bestiario del Chemioterapico, Blog Terapia, Cancer Bloggers, Cancro, Ecchecavolo, Effetti Collaterali, Follow Up e Visite Varie, Linfoma di Hodgkin. Bookmark the permalink.

24 Responses to Lettera aperta alle linfomerde

  1. Rosalba says:

    Direi che sei stata chiarissima!!!!Io sono stata promossa a questo controllo ma la dott. mi ha sentito un linfonodo sul collo mi ha detto di stare tranquilla!!!!!

    • RominaFan says:

      Io tranquilla non ci sto. Io non posso vivere serena e pensare a fare le cose che fanno le persone normali se so che ho i linfonodi a orologeria. Il guaio è che mi devo mettere l’anima in pace perchè le cose stanno così e me li devo tenere. Che poi le parole esatte sono state “stai tranquilla. Stanno lavorando normalmente. Però ripeti le analisi tra tre mesi e teniamoli sotto controllo perchè magari tra un anno passano da due a cinque cm…”. ‘Azz. Pensa se mi dovevo preoccupare…!!! Mi raccomando, anche tu tendi a bada il tuo linfobastardo!

  2. widepeak says:

    chiara decisa determinata. se poi hanno bisogno di un aiutino a capire meglio, chiamami, che ci penso io ;)!!

    • RominaFan says:

      Si, dai, organizziamo una spedizione punitiva, cappottiamoli di mazzate, squartiamoli a colpi di ascia, torturiamoli con la pinzetta per le ciglia…hey, no aspetta: ce li ho tutti dentro, legati a doppio filo a me, se li pestiamo ci vado di mezzo io…dobbiamo organizzarci con la psicologia del terrore linfonodale…!!

  3. rita says:

    ….manca solo la firma, il patto è perfettamento stilato!
    Che palle i controlli ogni tre mesi!!!

    • RominaFan says:

      Fare i controlli ogni tre mesi a sei anni dalla fine delle cure è indecente! Che palle, guarda, vabbè…son sei anni che vivo nel terrore dei linfonodi, neanche fossero l’orco cattivo! Ah, ma pagheranno…uh, se pagheranno…

  4. Raffaella says:

    Ok è così che si parla. più chiara di così non si può. Comunque sono contenta che ti ha un po’ tranquillizzato. un abbraccio

    • RominaFan says:

      Proprio tranquilla tranquilla non sono. Però il film che mi ero fatta nella mia mente era questo: vinco una biopsia al mediastino, timoma da togliere, assenze sul lavoro…licenziata! Quindi diciamo che, alla fine, è andata benissimo così!!!

  5. 4p says:

    Da brava padrona di casa sei stata “gentile” ad ospitarli, seppur determinata, chiara e decisa in questa convivenza, patti chiari e amicizia lunga.
    State buonini, perchè Romina quando s’arrabbia son cazzi amari.
    Non sono ancora riuscita ad andare a comprare il libro di Anna Lisa, ieri c’era troppo vento e con l’orecchio dolorante non era proprio il caso, sono nervosissima, forse mi riceve un otorino lunedì. Speriamo bene da qui a lunedì, intanto io continuo con l’oki e l’anauran.
    4p

    • RominaFan says:

      Neanche io sono riuscita a comprarlo, sai? E che questi giorni sto facendo un pò tardi in ufficio. Nel fine settimana lo prenderò sicuramente. Ah, credimi, se i linfobastardi non rispettano il patto di non belligeranza stavolta li disintegro…

  6. alecomeale says:

    Così si parla, ragazza! Quello che avevi da dire l’hai detto, fidati che t’hanno ascoltato. Lo so che fare i controlli ogni tre mesi è una palla… se ti può consolare, il mio Papy li fà ogni mese e questo significa prendere il treno la notte, da Trani a Bologna, prendere l’altro treno per Modena, arrivare alle 7, fare i prelievi, fare la visita, aspettare l’esito e se tutto va bene, tornare in treno per altre otto ore…

    • RominaFan says:

      Mamma mia, povero Papy…che travaglio! Ma tant’è…uffa! Un bacio grande, bellissima, una carezza alla Tata!

  7. E’ una vera rottura di scatole ma tu non demordere, il tono è quello giusto!

  8. Angela says:

    Bello, sto pensando a una strategia per fare in modo che il tuo post arrivi anche alle orecchie del mio “linfobastardo” mentre aspetto di andare dall’oncologo….. cominciasse a spaventarsi un po’….. Bacio Angela

    • RominaFan says:

      E’ora che capiscano che non c’è trippa per gatti. No tripp for the cats. Aho. Ecchecavolo. Vanno rimessi in riga…

  9. Ilaria says:

    Che palle!! Scusa la finezza, ma se lo meritano!

  10. alda says:

    Eccheppalle! Starsene buoni al loro posto no, eh? Non sono stati creati per rompere le palle e far vivere nell’ansia, è ora che lo capiscano…

  11. Paola says:

    Ciao Romina,
    ho un dubbio, ma se si chiama pablo, non è che parla spagnolo?
    non sarà meglio tradurre la lettera anche nella sua lingua?
    🙂

    Stai tranquilla! vedrai che fanno solo u pò i bulletti 😉

    Paika

    • RominaFan says:

      Esatto, infatti una mia amica, nel post in cui ho raccontato che dalla tac risultavano questi piccoli maledetti, ha commentato così: “Hola, soy una amiga de Romina. Pablo y familia, escuchadme muy bien: vayais a la mierda que aqui no son bienvenidos.”
      Che dire…a buon intenditor, poche parole!

  12. ziacris1 says:

    Eccheccaspiterina! (sono stata elegante e signorile, vero?)

Leave a Reply to alda Cancel reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *