Il cuore ai piedi del letto

In questi giorni sto leggendo “Ogni cosa è illuminata” di J.S. Foer.

Ad un tratto ho letteralmente sbattuto in un pensiero che, per quanto non si confaccia al mio stato d’animo di questo periodo, mi ha profondamente colpita.

“Si addormenva con il cuore ai piedi del letto, come un animale domestico che non faceva parte di lui. E ogni mattina si svegliava con il cuore nuovamente nel forziere della sua gabbia toracica, divenuto un po’ più greve, un po’ più debole, ma ancora in grado di pompare sangue.”

Non so come mai, sarà che è saltata fuori in un clima narrativo in cui veramente non mi aspettavo di trovarla.

Non so. Eppure questa frase monopolizza i miei pensieri da questa mattina.

This entry was posted in Attualità, Libri, Pensieri e Parole. Bookmark the permalink.

8 Responses to Il cuore ai piedi del letto

  1. rita says:

    …molto profondo e significativo: credo che molti si rispecchieranno…..

  2. piccolavale says:

    Io mica l’ho capito che significa…inizio a perdere la stima nelle mie capacità intellettuali!!! 🙂

  3. Arcobaleno says:

    Invita a riflettere…….

    • RominaFan says:

      Diciamo che leggendola si rimane un attimo perplessi perchè è un’immagine diretta ma non di immediata comprensione. Poi ci si riflette un pò e secondo me prende…

  4. 4p says:

    Pfff, eccomi mi sono riappropriata per dieci minuti del pc.
    Nick lo usa per lavoro, ma ultimamente ha fatto le bizze (il pc nè).
    A giugno m’impossesserò definitivamente di questo “vecchietto” (sempre il pc nè) e Nick ne comprerà uno nuovo solo per LUI STESSO.
    Frase molto bella, libera interpretazione, ed ognuno la veste come vuole.
    Per me rappresenta il sunto della depressione, la sento così o meglio la interpreto così.
    Il proprio io riesce a sostenere questo grande peso per poi finalmente liberarsene e tornare a pompare sangue, certamente sono vissuti emozionali che lasciano una piccola crepa nel bagaglio, ma in fin dei conti da ogni situazione negativa se ne può trarre sempre una piccolissima percentuale di buono, se ne potrebbe fare volentieri a meno, cazzarola, ma il negativo non può e non deve continuare per sempre, almeno uno lo spera.
    Ti abbraccio
    4p

    • RominaFan says:

      Si, bravissima, anche secondo me, infatti il personaggio cui viene applicata è molto provato dalle circostanze della vita e soffre molto…bella, mi è piaciutata tanto. Poi, come dici tu, il negativo non può e non deve continuare per sempre e infatti anche per lui arriva il riscatto (almeno per ora, ma il libro non l’ho ancora finito)! Bacio!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *