Tondo è una forma – Io sono in forma!

Sapete che per questioni legate al mio concetto di professionalità, non parlo mai di lavoro sul blog, se non per annunciarvi quando rimango a spasso! Stavolta, farò un’eccezione perché questa mattina…

Sarò onesta: il lungo inverno di casalinghitudine non ha giovato alla mia figura già di per sé non propriamente longilinea e, nonostante una certa tendenza all’indulgenza nei confronti di me stessa (mi amo alla follia, che ci posso fare? Mi perdono tutto!) sono arrivata a guardare con occhio critico alcune novità che non ho trovato esattamente confortanti. Tipo le ali di pipistrello. O la panza. Dirette conseguenze della fame compulsiva, quella dettata dalla noia. Del tipo “i pavimenti li ho lavati tre volte, il bagno l’ho consumato a furia di lucidarlo, i cuscini li ho sprimacciati. Ora che faccio? Daje de pane e nutella. Oppure facciamo una ventina di meringhe”. Insomma, gioco forza, mi sono ingrassata. Ok esser tonda, mi piaccio così, ma qui si perde di tono e non mi piaccio più come prima. Il che è tutto dire.

Così, sconfiggendo la mia proverbiale pigrizia e arrendendomi all’evidenza (avoja a dire che si sono ristretti i pantaloni!), ho inziato a cercare una palestra che fosse vicino all’ufficio (in pieno centro) ma non costasse un occhio della testa, che si confacesse alle mie esigenze particolari in fatto di orari e che non mi proponesse attività troppo faticose. In pratica, si può tranquillamente dire che cercavo una palestra sperando di non trovarla. Finché non ne ho scovata una che fa veramente al caso mio. Questa mattina, sono andata a prendere informazioni sui corsi e gli orari. Perfetto, il pilates è la mattina presto. Si, lo spinning è a ora di pranzo. Unica nota dolente, non hanno la piscina. Tutto molto bene finché, certa di sentirmi sparare cifre improponibili, chiedo il costo: onestissimo. Maledetti. Mi stavano mettendo in condizione di fare sport. Ho preso il foglio con gli orari e i costi e ho detto “Grazie, ci penso poi eventualmente mi iscrivo”, e sono uscita. Meno di cinque minuti dopo, sono tornata indietro e mi sono iscritta. Ho pensato “ora o mai più!”. In pratica, i corsi li comincerò a settembre, ma già il fatto di essermi iscritta mi ha richiesto una fatica inusitata. L’attività fisica, nonostante i molti anni di nuoto che ho alle spalle (sulle spalle, direi, data l’ampiezza delle stesse) mi esorbita già solo come concetto.

Insomma, arrivo in ufficio orgogliosa di me. L’ho fatto. Mi sono iscritta. Sicuramente già solo aver firmato fa di me una persona più in forma, ne sono certa!

Arrivo in ufficio e vado a salutare Capo Senior

“Bentrovata, Romina, come sono andate le ferie?”

“Bene, la ringrazio. Mi sono divertita tanto, ho riposato tanto…”

“…ha mangiato anche tanto, a quanto vedo…”

Allora, sia chiaro: non mi sono affatto offesa. Figuriamoci. A parte il fatto che lo so che non porto la taglia 40, ma al di là di ciò rimane il fatto che sono anche consapevole di essere una gnocca comunque. Cosa dite? Non lo sono? Eh, vabbè, che importa? L’importante è crederci!!!

Scherzi a parte, mi permettete una parola? Ma posso essere felicissima della mia taglia 44/46?! Sì che posso, e mi piaccio pure, tutto sommato, quindi…PRRRRRRRRRRRRRRRLLLLLLLL!!!

 

This entry was posted in Buffe cose della vita, Ecchecavolo, Pensieri e Parole, Piccoli Piaceri della Vita. Bookmark the permalink.

19 Responses to Tondo è una forma – Io sono in forma!

  1. rita says:

    non posso che ribadire quanto già affermato: il commento arriva da un avvocato e in quanto tale, va minimamente preso in considerazione, quel tanto che basta per creare, in questo caso, un dibattito allegro (tra di noi) e una figura di guano (la sua……dì alla Tua amica di confezionare un mongolino d’oro da donargli, ancorchè a concorso scaduto!).
    La palestra Ti farà sicuramente bene, Tu rimani sicuramente una bella gnocca (mi spiace non sia un “bel figheiro” a dirtelo, ma una “vecchiarellachedirotonditàseneintende” – ma i complimenti degli ometti non ti mancheranno di sicuro…) e mi associo al cordiale saluto: PRRRRRRRRRRRRRRRLLLLLLLL!!!

    • RominaFan says:

      AHAHAAHAHA, mitica Rita, proporrò il gadget alla mia amica, son sicura che (avendo anche lei le nostre stesse, ermh, “frequentazioni”) sarà sicuramente preparatissima! Un bacio!

  2. Rosalba says:

    Stai benissimo lascialo stare il capo! io oggi ho iniziato la dieta (per dieta intendo mangiare equilibrata senza abbuffate di cibo tipo un pacco di biscotti tutto in una volta o pane ad oltranza) dopo le cure ho messo su più dicinque chili tutti sulla pancia e fianchi!

    • RominaFan says:

      Ma porca paletta, ma perchè non avvisano che spesso e volentieri dopo la chemio si ingrassa?! Purtroppo, un pò perchè ci si sente meglio, un pò perchè per mesi non hai sentito i sapori, si mangia di più e ci si ingrassa facilmente! Ricordo che io presi quasi una decina di kg in poco tempo, dopo la chemio. E ogni volta che qualcuno mi vedeva diceva “Oh, be’, dai, ti sei ripresa bene, ti vedo…ermh, florida!!”

  3. Eleonora says:

    A parte il fatto che il capo supremo non merita lettere maiuscole perché è veramente un ometto meschino, io che ti ho vista di persona (che bello quell’incontro fugace al Salone del Libro) posso dirlo con cognizione di causa. Tu sei davvero bella, dentro e fuori.

    Un abbraccio

    • RominaFan says:

      Ma grazie cara! E’ che a volte sembra che o pesi 45 kg o sei impresentabile! E la cosa grave è che ti posso garantire di conoscere gente che per una battuta del genere avrebbe fatto una settimana di digiuno. E non sto parlando di ragazzine di 16 anni. Ma tant’è, il mondo è bello perchè è vario…e perchè E’TONDO!!

  4. Gin says:

    Che cafone immondo! :O

    Ad ogni buon modo.. debbo ancora figurarmi’sta cosa delle ali di pipistrello: dove sarebbero ubicate nel tondo contesto? 😀
    E’un’espressione che dalle mie parti non ho mai sentito.

    X. (aka “Sugnaman”, da che sono iniziate le ferie -a fine luglio-)

    • RominaFan says:

      Dunque, hai presente quando il braccio perde di tonicità e quando saluti qualcuno inizia l’effetto “budino”…? Quello! Oh, anche tu inquartato dopo le vacanze?! Mannaggia, ma perchè mangiare è così bello anche quando si è, in realtà, già belli che sazi?!

  5. 4p says:

    Ahahahahah bella, ” il mondo è bello perchè vario …. e perchè è tondo” mi piaceeee!!!!!!!!!
    Ciao carissima a rieccomi con un po’ de panzetta in più pure io. Le bruschette di queste settimane han fatto proprio un buon lavoro circonferenziale e un ciccinnino di borsa cangurale, insomma son sempre una 44-46 variabile pure io, ma sti chili si son messi, adagiati, spiaggiati tutti dove stanno alquanto maluccio. L’altezza mi manca quindi fa un po’ te, Va bè veniamo a noi anzi al tuo diario-libro che mi ha coinvolto emozionandomi e sconcertandomi al punto di voler fare un salto dentro tra le pagine e strozzare qualcuno.
    “Quando la malattia incontra l’ironia”, quell’ironia innata e a volte costruita per stemperare attimi pesanti ho trovato abbia un ingrediente determinante, la chiarezza.
    La lucidità con la quale descrivi il periodo precedente alla diagnosi di cancro è sconvolgente.
    Un malessere così forte sia nel fisico che nella mente per non essere nè ascoltata, nè capita nè tanto meno creduta mi ha fatto, credimi desiderare l’eleminazione di quel medico di base dalla faccia della terra. L’avrei preso a sberle.
    E’ un gran bel libro e secondo me, intendiamoci secondo me lo ripeto avresti potuto benissimo farne due. Non ricordo bene in che punto, ma lo rilevi anche tu il fatto che il periodo precedente alla diagnosi sia stato difficilissimo da sostenere senza niente togliere chiaramente al dramma della malattia al dolore , alla sofferenza ed agli effetti collaterali di tanti esami clinici.
    La tua forza e determinazione hanno avuto la meglio fortunatamente e grazie anche alla tua grande ironia, perchè lo sconforto e la stanchezza sia fisica che emotiva avrebbero potuto annientarti. Grande Romina.
    Le ferite di guerra non ti fanno stendere mai il bucato al momento sbvagliato e va bene così, qualche gianduiotto te lo concedi e ok , sei diventata una persona più zen e va più che bene, ma quando parli del cambiamento prettamente umano che è avvenuto in te, bè lì il mio cuore si è stretto ancora di più.
    “Se proprio quel “ti voglio bene” vi muore in gola, abracciateli ………………………………………………………., questo capitolo La Neo Sana è davvero toccante.
    Grazie Romina un abbraccio
    4p

    • RominaFan says:

      Grazissimo! Che belle cose, grazie! Sì, diciamo che psicologicamente è stato sicuramente più difficile il periodo che ha preceduto la diagnosi, sicuramente. A quel punto ero talmente distrutta che, nonostante la diagnosi, ero sollevata e ho potuto riderci su, non è stata una “tegola” che mi è caduta in testa senza che me lo aspettassi…La cosa buona che mi ha lasciato questa esperienza è stata proprio la capacità di imparare a ridere un pò su tutto…ed è qualcosa che rimane e aiuta sempre. Grazie ancora, 4P, ti abbraccio forte!

  6. Ilaria says:

    Che capo maleducato!!! Meno male che tu sei una ragazza ironica e intelligente.. Complimenti per l’iscrizione in palestra! Hai già fatto la parte più complicata! Grande Romina!!!!!

  7. Livia says:

    Ora ho capito il perché dei sentimenti che mi hai detto di provare verso i tuoi colleghi!
    L’atto di iscriversi in palestra è già eroismo puro e meriterebbe un libro a sé. Anche a me piacerebbe passare a una forma più ovaleggiante, ma per ora mi limito a tifare per chi ha intrapreso il percorso, tipo quelli che si guardano le Olimpiadi 24h al giorno sbragati in poltrona con birra e popcorn 🙂
    Vai, che tonda od ovale sempre gnocca sei!

    • RominaFan says:

      NO! Per carità del cielo, non sono colleghi, io faccio un altro mestiere, mi limito ad essere la vittima! Oh, guarda, ti dirò di più: stasera vado persino a comperare una tuta! Già mi sento gli addominali solo per lo sforzo di andare da Decathlon!!

  8. Natalina says:

    Dai Romina lui le buone maniere le ha studiate di sicuro a Oxford…… e mica si possono capire sempre questi inglesi…….. Allora anche io viaggio attorno alla taglia 46 quindi anche io sono TONDA ma preferisco l’espressione del nipote di una mia amica ( 4 anni ) che quando si siede sulle mie ginocchia dice: Vado in braccio alla Naty perchè è morbida. Tanto caruccio! Vabbè mi cercherò anche io un’attività sportiva per l’inverno e speriamo che la costanza mi assista.

    .

    • RominaFan says:

      La costanza sarà anche il mio problema. Spero che il fatto di aver pagato per tre mesi sia uno stimolo a perseverare almeno un pò!

  9. selena says:

    Non sai quanto mi fa piacere sentire che altre ragazze, 44 – 46 come me, sono fiere di ciò che sono!!! Quando dico, parlando con amiche o conoscenti, che di me non cambierei assolutamente nulla, nonostante pure io non sia proprio longilinea, se consideriamo 1 metro e 60 scarso per 63 kg, vengo guardata come se fossi una pazza fuggita dal manicomio!!! ed invece sono proprio fiera di me e mi piaccio … E poi, mangiare è uno dei piaceri della vita … già di problemi ce ne sono tanti, perchè evitarsi anche la consolazione di un bel panino con la nutella?!?!? Un bacione, carissima Romina …

    • RominaFan says:

      Hihi, mi sa che siamo pochine, in effetti, a dirci contente così! Tempo fa, in mutande davanti allo specchio a riflettere sui vestiti che, non avendo più la pancia piatta come qualche mese prima, non scendevano più bene, ho chiesto a Maschio Alfa “Alfa, ma ti piaccio anche ora che sono ingrassata?” lui mi ha guardata e mi ha detto “Sì. Alla fine è meglio se sei tonda. Pensa che casino se eri piena di spigoli. Così sei più facile da maneggiare!!”. Ora, non ho capito bene cosa intendesse di preciso ma so che era un complimento! Ecco, mettiamola così: siamo facili da maneggiare!!!

  10. Che forza che sei! Panza o meno sei bella così!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *