Il gatto e la volpe: l’amicizia più bella è quella improbabile

Le feste ce le siamo lasciate alle spalle. I bagordi pure. E’il momento del primo post per il 2013. Per iniziare il nuovo anno, voglio riportare una storia che sia magica, prima ancora che divertente, sperando che sia di buon auspicio per questo 2013. Perché spinga tutti noi a guardare oltre le apparenze e i pregiudizi e perché ci insegni che anche le più improbabili delle amicizie possono diventare veramente speciali.

Una coppia.

Due individui, una reputazione. Pessima.

Lei, furba, inaffidabile e ladra, una per cui tutto quello che non riesce ad avere (o ad estorcere con l’astuzia) viene sminuito e svalutato con sdegno.

Lui è un solitario, un opportunista, uno per cui una casa è formata dalle mura e non da chi le abita, uno cui non puoi chiedere niente perché tanto non risponderà quando avrai bisogno di lui.

O almeno così si dice.

Entrambi amano vivere la notte. Entrambi sono carichi di fascino, questo, invece, è certo.

Tendenzialmente, non si frequentano, ma quando lo fanno pare siano capaci di qualsiasi nefandezza, ivi compreso frodare un bambino…no, che dico, scusate, non un bambino: un burattino!

Meno male, quindi, che questi due brutti ceffi non abbiano la tendenza a fraternizzare tra loro, altrimenti sarebbero guai per tutti. Altro che Bonny e Clyde.

Eppure, dalla Turchia, dalle rive del lago Van per l’esattezza, arriva una bellissima storia che ha per meravigliosi protagonisti proprio loro: un gatto e una volpe!

Tutto ha inizio quando un pescatore di nome Karem Abalov nota un gatto di razza turco di Van (un gatto semi-selvatico ormai piuttosto raro) e una volpe iniziare ad entrare in contatto per cercare di rubarsi il cibo a vicenda. Con il tempo, tuttavia, i due animali iniziano a smettere di competere e danno il via ad una collaborazione per procacciarsi il cibo.

Lentamente, sotto lo sguardo discreto e attonito del pescatore, il gatto e la volpe – che avevano un rapporto fondato su uno specifico tornaconto – iniziano a giocare – azzuffandosi di tanto in tanto – e a passare insieme le loro giornate. Pare che i due siano veramente inseparabili.

La storia ha fatto il giro del mondo e speriamo che serva ai due protagonisti per sfatare le leggende metropolitane che li vogliono sgradevoli presi singolarmente e assolutamente pericolosi in coppia.

volpe-e-gatto-amici-8

161919785-dc9fe661-d274-43cd-b5e6-b8f6021ab933

This entry was posted in Animali, Attualità, Buffe cose della vita, l'amore è..., Piccoli Piaceri della Vita. Bookmark the permalink.

17 Responses to Il gatto e la volpe: l’amicizia più bella è quella improbabile

  1. 4p says:

    Stupendissima. Quanto l’umano dovrebbe imparare dagli animali!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Peace and love
    4p

    • RominaFan says:

      Eh, non sarebbe affatto male imparare dagli animali. In ogni settore. Tu pensa solo come sono organizzate le formiche e come funzionano, invece, gli uffici! E non parliamo poi di come sono al di là di ogni distinzione…e non solo a chiacchiere!

  2. mapiova says:

    Concordo con te. Spesso la voglia di primeggiare sugli altri ci acceca e non ci rendiamo conto che la collaborazione aiuterebbe entrambi.

    • RominaFan says:

      Sì, esatto, inizia una competizione sfrenata e poi si perde di vista il fatto che spesso la mèta è comune. Pensa quante occasioni sprecate…

  3. Mia says:

    Che meraviglia!
    Certo non invidio i proprietari di galline del luogo…

    • RominaFan says:

      Ahahaha, in effetti, se singolarmente fanno stragi, pensa a coppia cosa combinano! Tra parentesi, lo sai che le volpi – rispetto ai roditori – hanno una strategia di caccia più efficace di quella dei gatti? Pensa tra galline e sorcetti che vitaccia che fanno, lì in zona…!!

  4. natalina says:

    Semplicemente meravigliosi.
    Ciao

  5. rita says:

    Belle fotografie, bella storia: gli “umani” avrebbero molto ma molto da imparare, sull’amicizia, sulla complicità, sulla condivisione delle cose e degli spazi…

  6. luviluvi says:

    Buon Anno a te e a tutti i tuoi “followers”:)

  7. Alessandra says:

    Ma che meraviglia di storia e che tenerezza! Buon anno!

  8. Martes martes redivivo says:

    Ma che carini! Ah, buon 2013, un ritardo di pochi giorni su 365 è irrilevante.

    • RominaFan says:

      NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO! Il ritorno della martora! Ma no che non sei in ritardo sugli auguri del 2013, sei solo in anticipo su quelli del 2014…ma quanto tempo! Come va?

  9. Martes martes redivivo says:

    Ebbene sì, sono ancora qui. Mah, come va … diciamo che in questo nuovo anno dovrò recuperare un po’ di ottimismo e fiducia che ultimamente scarseggiano: perchè senza quegli aiuti anche le martore hanno difficoltà ad inseguire i topi, sciogliersi i nodi del pelo, cercare buchi negli alberi dove dormire … 😀

    • RominaFan says:

      Lo so, è dura la vita di voi creature dei boschi. Fossi in te, inizierei a spacciarmi per furetto, pensaci bene: ciotola piena, pelo bello vaporoso e profumato, confortevoli riposini sul divano…io un pensierino ce lo farei…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *