L’INPS e il resto del mondo: l’importante è capirsi.

Da mesi guardo avvicinarsi il 3 agosto con un misto di ansia e disperazione. A metà maggio sono cominciati gli incubi. All’inizio di giugno mi aggiravo insonne per casa mangiandomi le unghie fino alle nocche. Agli inizi di luglio, perdevo capelli a ciocche. Alla fine, una settimana fa, ho deciso di prendere il toro per le corna e affrontare il problema per tempo.

Qual è il dramma che ha minato il mio equilibrio psico-fisico e che ha inizio il 3 agoso? L’inizio della maternità obbligatoria. No, per carità, non la maternità obbligatoria in sé, anzi, quel momento segnerà i 60 giorni al parto e non vedo l’ora.  L’angoscia mi deriva dovermi rapportare di nuovo con l’INPS. L’INPS. Il Male assoluto. Non penso all’INPS come una serie di uffici che si occupano di determinate pratiche e dove lavorano molte persone. Per me l’INPS è un’entità concreta e reale e come un sampietrino sui denti ma al contempo ineffabile e ferale come i mostri che da bambini abbiamo sotto il letto.

L’INPS. Quelli che quando fanno coppia con la ASL devi solo armarti di acqua santa e bombe moltov perché tanto o tu o loro: uno dei due deve soccombere. INPS e ASL. I Batman e Robin della complicazione degli affari semplici. Quelli che quando ho fatto la pratica per l’invalidità ai tempi della chemio, prima si son persi tutta la documentazione (sarò maligna, ma perdono sempre la documentazione di chi sperano possa infilare anche l’altro piede nelle fossa, è una cosa che succede sistematicamente. Sono maligna? Diciamo che sono molto sfortunati, via…), poi hanno avuto da ridire perché si parlava di chemioterapia di tipo ABVD ma non erano specificati i dosaggi e che, infine, durante la visita hanno avuto da ridire perché avevo i capelli…(si sa che sei malato di cancro solo se non hai i capelli, i referti non dimostrano niente…).

INPS e ASL. I Gianni e Pinotto del pensiero razionale. Quelli che sul mio certificato per la maternità anticipata hanno scritto come data del parto il 3 ottobre 2003 e poi, non sapendo come correggere l’errore, mi hanno chiesto se per caso non potevo partorire “tra dieci anni fa” così risolvevamo il problema. Vi ricordate che pasticcio combinarono?

Bene, stavolta l’ASL doveva rimanerne fuori, ma non è che l’INPS da sola mi faccia meno paura. Vado al patronato con circa venti giorni d’anticipo rispetto all’inizio della maternità obbligatoria per chiedere supporto pratico e psicologico, perché io sul sito dell’INPS non ci metto mano nemmeno con una pistola alla tempia. Non se non posso avere accanto a me una bottiglia di vodka a farmi coraggio. Una sorridente signora mi dice che nuovissime disposizioni prevedono che, laddove esistano già pratiche aperte per maternità anticipata, non è necessario inoltrare richiesta di maternità obbligatoria. Tanto, sia il datore di lavoro, sia l’INPS conoscono già l’epoca presunta del parto, visto che figura già nella vecchia pratica. Pensa direttamente l’INPS ad agganciare la maternità obbligatoria a quella anticipata. Wow, penso, una cosa intelligente. Un sistema concepito per semplificare la vita alle mamme e agli impiegati, sia quelli dell’INPS, che quelli degli uffici paghe e contributi delle aziende. Una gran bella pensata, mi dico. E la cosa, infatti, mi insospettisce…

Mi confronto con altre colleghe de panza (colleghe de sostanza) che erano già in maternità anticipata e, tranne una, tutte mi dicono che hanno comunque inoltrato la domanda e nessuna di loro ha sentito di questa direttiva. Nel dubbio, chiamo il call center dell’INPS. Chiedo conferma e mi sento rispondere che va comunque inoltrata la domanda, altrimenti loro non hanno modo di sapere quando sarà la data del mio parto. E io “in realtà lo sapete già, è scritto nella richiesta di maternità anticipata”. Risposta “Eh, ma noi come facciamo a sapere quando sarà la data del suo parto?”. E io di nuovo “in realtà lo sapete già perché, è scritto nella richiesta di maternità anticipata”. Abbiamo ricominciato da capo. Sembrava un dialogo tra cretini, e visto che la tizia ripeteva sempre la stessa frase perché evidentemente ne sapeva meno di me ho lasciato perdere.

Questa cosa mi logorava. Lo sapevo che era troppo bello per essere vero. Ora dovrò fare la domanda e sicuramente accadrà qualcosa di imponderabile, mi dicevo. Sicuramente sarà come l’altra volta, che c’è voluto un mese. Torno al patronato. La signora della volta precedente sospira e mi spiega che puntualmente non fanno i corsi di aggiornamento agli impiegati dei call center. La richiesta non si deve inoltrare, punto e basta. Non serve. Tutti sanno già tutto e lei puntualmente viene cazziata da quelli dell’INPS ogni volta che inoltra queste caspita di richieste inutili. Torno a casa sollevata, ma con quella strana sensazione di inquietudine, quella che ti fa sollevare i peli alla base del collo. Infatti, il giorno dopo mi chiama l’ufficio paghe e contributi dell’agenzia chiedendomi (con due settimane d’anticipo) di inoltrare loro la richiesta di maternità obbligatoria fatta all’INPS. “Guardi, sono stata al patronato, mi hanno spiegato che non serve più perché nella richiesta di maternità anticipata voi avete tutti i dati e il passaggio a maternità obbligatoria lo fa direttamente l’INPS.” “No. Non è possibile. Se così fosse, a me chi lo direbbe che la sua data presunta del parto è il 3 ottobre?”. Quando sento la tizia tirare fuori la mia data del parto senza che io gliela abbia detta nel corso della conversazione, sento una vena chiudersi di botto. “Guardi, me lo ha appena detto lei da sola quando dovrei partorire, quindi lo sapete!” “E’uguale. Voglio la domanda entro mercoledì”. Che poi, porca miseria, mancano due settimane alla scadenza, io in questo momento potrei anche starmene a Bimini sorseggiando uno Shirley Temple: se tu hai prescia di salvare il mondo prima di andare in ferie non è un mio problema…

Fatto sta che quando ho riagganciato stava montando un’incazzatura tale che somigliavo a Gollum dopo aver preso una stirella in faccia e vomitavo piume e chiodi (materiali che in casa mia, in fase di trasloco, si trovano in abbondanza) peggio della bambina dell’Esorcista. Come al solito: la mano destra non sa cosa fa la sinistra e quindi insieme non possono lavare il viso. Altrimenti detto: come al solito non sa un cazzo nessuno e nel mezzo ci sta il povero disgraziato che deve capire che deve fare.

Questa mattina, decido di risolvere una volta per tutte la faccenda. Fatemi ‘sta cavolo di domanda di maternità obbligatoria, abbiate pietà della mia anima sfrantecata e non pensiamoci più. Io, sia chiaro, sin dall’inizio mi sono fidata più del patronato che dell’INPS o della mia agenzia. La signora era talmente sicura di quello che diceva che mi sembrava strano potesse insistere così tanto se ci fosse stata anche solo una possibilità su un milione che avesse torto. Poi, insomma, pare che questa sia una novità assoluta, quindi ci stava che effettivamente non fossero aggiornati.

Fatto sta che vado lì e…indovinate? Aveva ragione. Per inoltrare la domanda di maternità obbligatoria mi ha dimostrato che ha dovuto forzare il sistema. Appariva una finestra che avvertiva che non doveva inoltrare quella domanda in quanto esisteva già un’altra pratica a mio nome.

Comunque, si è dovuta caricare l’INPS di una pratica inutile, il datore di lavoro è contento e io già so su cosa si porrà il prossimo problema. Ci scommetto. Ne son certa.

La parte di maternità obbligatoria che copre il periodo precedente la nascita, in condizioni normali dovrebbe coprire i 60 giorni prima del parto ossia, nel mio caso, dal 3 agosto al 3 ottobre. Dato che il mio contratto, però, scade il 30 settembre, gioco forza che il periodo va dal 3 agosto al 30 settembre. Gli altri 3 giorni mi verranno accreditati non dal datore di lavoro tramite busta paga perché il nostro rapporto, per allora, sarà cessato, ma direttamente dall’INPS. Non c’è altro modo di farlo. Il sistema chiede quando scade il rapporto di lavoro quando è determinato e ti mette in condizione di fare due pratiche: una per i giorni che l’INPS paga attraverso il datore di lavoro, e una per quelli che paga direttamente. Scommettete che mi faranno storie per questo? Scommettete che me le faranno pur sapendo perfettamente che tanto il mio contratto non verrà rinnovato e che quindi si perderà tutti tempo inutilmente? Scommettete che ‘sto giro ce li mando?

 

This entry was posted in Attualità, Ecchecavolo, IT'S A GIRL!, Mamma e Cancer Blogger. Bookmark the permalink.

16 Responses to L’INPS e il resto del mondo: l’importante è capirsi.

  1. Mia says:

    Lo sai che quando parli di INPS e di ASL, con me sfondi una porta aperta.
    Devo dire però che rispetto alla relazione diretta con i branchi di decerebrati, trovo meno stressante il rapporto virtuale con i servizi on-line. Anche quelli hanno i loro limiti – i miracoli non li fa nessuno, figuriamoci l’INPS… – però dicono molte meno fesserie degli interlocutori umani.

    • RominaFan says:

      Mah…a me fanno allungare i canini alla stessa maniera. Solo che il lato buono dei servizi on-line è che non ti devi spostare da casa, puoi delegare un patronato senza difficoltà e se decidi di metterci le mani tu puoi lanciare tranquillamente le sedie del salotto contro il muro senza che il PC si scandalizzi. Poi, se spieghi una cosa al programma e quello non capisce, ci può stare, come dici tu. Se spieghi la stessa cosa dieci volte ad una persona e quella non capisce, sei autorizzato a farti partire l’embolo.
      Quello che a me non finirà mai di scandalizzarmi è: per una volta che avete un’iniziativa sensata e intelligente, perché non vi assicurate che venga divulgata a dovere? Cioè, si tratta di maternità obbligatoria, ne fate chissà quante ogni anno. Perché non esiste una news-letter cui le aziende hanno l’obbligo di iscriversi e attraverso la quale ricevono le ultime novità? Perché non solo non informate gli utenti ma nemmeno aggiornate il personale dei call center, che sono i primi cui l’utente chiede qualsiasi cosa? Perché sono sempre e solo i patronati quelli che sanno qualcosa e mai i diretti interessati? Io sono arcistufa di dovermi rispondere con la frase “è così perché siamo in Italia”. Tu ti rendi conto che siamo stati costretti a fare le cose fatte male, sbagliate (e illogiche), perdendo tempo io, la signora del patronato, l’impiegato INPS che si smazzerà la mia pratica superflua e quello dell’agenzia perché nessuno è informato a dovere? Non è normale…nel grande elenco delle miserie umane è l’ultimo dei problemi, certo, ma se le cose facili le incasinano così figurati le altre!

  2. marzia says:

    Mondo boia quanto hai ragione!
    🙁

  3. ziacris1 says:

    e noi li si manda con te, tutti in coro li mandiamo….

  4. natalina says:

    E fai bene a mandarceli con biglietto di sola andata

  5. Daniela says:

    Io ricordo ancora l’estate di qualche anno fa…mia mamma mi preparava tutte le varie scartoffie e mi mandava a sbrigare le commissioni all’inps.. Io, sedicenne spavalda, finivo per piantonarmi già al totem dell’ingresso, quello che distribuisce i bigliettini. Poi, arrivava la guardia in mio soccorso e mi indicava la retta via. Così mi sedevo circondata da donne che temevo potessero partorire da un momento all’altro sul pavimento (avevano trascorso su quella sedia gli ultimi mesi di gestazione?!), anziani, persone di ogni provenienza etnica.. E mi guardavano come fossi un alieno. Poi, dopo una ventina di numeri, arriva il mio turno. L’impiegato mi guarda con inconfondibile pietà. Inizia a farmi domande a cui non so rispondere, così mi limito a riferire le consegne della mamma, aspettando la sua reazione. Ricordo come fosse ieri che corrugò la fronte e mi spedì in un altro ufficio. Da lì, in un terzo, come se fossi un pacco postale. (erano tutti molto gentili con me, ci tengo a precisarlo..ma forse erano pure un pò tardi.)
    il terzo impiegato da del ritardato al primo, dicendo che la pratica sarebbe stata di sua competenza, ma per non farmi aspettare oltre l’avrebbe svolta lui. Dopo due ore buone della mia vita trascorre lì dentro, rivedere la luce del giorno è stato commovente. Ora ho capito perché mia madre cercava sempre di propinare a me le commissioni all’inps!
    Quindi.. Ti sono solidale Romi! Già è dura con l’inps da solo, figuriamoci inps e azienda! Comunque, detto ciò, mi erano mancati i tuoi post 🙂 hanno sempre il potere di migliorarmi la giornata 🙂

    • RominaFan says:

      Accipicchia, Daniela, gettata così giovane nella fossa dei leoni…mh, insomma, leoni…leoni no, ma qualcosa che ci fa rima mi sa di sì!!!
      Son quelle esperienze che temprano il carattere…!

  6. rita says:

    mia mamma, alla soglia dei 78 anni, possiede l’appartamento, per successione dopo il decesso di papà e percepisce la pensione di reversibilità….con una bella letterina, l’Inps le chiede di presentare il CUD (di loro provenienza, bada bene) per la verifica dei redditi – visto che mamma non fa dichiarazioni, nè 730 (l’unico suo reddito è la pensione di reversibilità) – che però l’INPS, da quest’anno non manda più a casa.
    Bisogna collegarsi al sito http://www.vaffanculoinps.it, che ti danno mezzo codice, l’altra metà ti arriva via mail o su cellulare!!!
    Mia mamma, ripeto ha sempre 78 anni, con tutto il rispetto per alcuni 78enni che saranno sicuramente molto tecnologi….
    E non aggiungo altro, perchè questo si commenta da sè…..

    • RominaFan says:

      Ma il tutto bendati e saltando su un piede solo?
      Ma che cosa ridicola…e se un anziano fosse solo? Tua mamma è fortunata che ha te ad aiutarla ma tutti quegli anziani che son soli e non sanno nemmeno cosa sia un sms o una connessione a internet?!
      Boh, fanno le cose con il solo intento di complicare la vita, non c’è altra spiegazione. C’è gente che non ci dorme la notte per partorire queste iniziative…

      • rita says:

        gli anziani soli stanno intasando gli sportelli dell’INPS….ci passo davanti al mattino per venire al lavoro: vedessi che code, quanta pena mi fanno!
        e considera che la stessa cosa vale anche per gli suoceri!!!!
        Ma è una vergogna!!!

  7. 4p says:

    …………e tutti in coro ce li mandiamo a “quel paese!!”
    E la gnappetta sta già imparando, ma come sta la pupattola?? Sempre indaffarata nei suoi movimenti?? E con la casa siete a buon punto??? Urca quante domande!!
    4p

    • RominaFan says:

      La gnappa sta benone! Durante l’ultima visita si è comportata da signorina a modo, ci ha fatto vedere il visino e stava accucciata composta con le gambine chiuse! Era buffa perché inghiottiva il liquido e muoveva la bocca come se parlasse! Comunque, ha il garbo di un bisonte sotto anfetamine! Quanto al trasloco, per ora abbiamo iniziato i lavori nel nuovo appartamento e contemporaneamente svuotiamo quello vecchio. Per gli scatoloni, in realtà, è presto, ma visto che Maschio Alfa è già infognatissimo (torna dall’ufficio e va a lavorare a casa nuova) allora giochiamo di anticipo…
      Uffa, non vedo l’ora di traslocare, ho bisogno di una casa che abbia tutti i mobili e tutti gli accessori prima di partorire, mi serve il tempo di abituarmi!

  8. 4p says:

    Eissa forzaaaa Maschio Alfa ehdaìèèèè, qui “c’abbiamo na’ donzella” che fra un paio di mesi ti renderà l’uomo più felice del mondo e alloraaaaaaaaa forzaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!
    4p

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *