Il Fight Club Delle Mamme: il marsupio

E’ successo di nuovo. Ma non è possibile. Mi si lascia sempre più immensamente sbigottita. Ma procediamo con calma che serve una premessa.

Noi, la mattina, con qualsiasi temperatura e condizione climatica, la nostra ora e mezza di passeggiata la preferiamo fare così, nel marsupio, perché il passeggino mi sta un po’sulle balle:

http://imageshack.com/a/img577/883/wpru.jpg

E visto che anche noi mamme spartane disgraziate che veniamo cazziate da tutti gli sconosciuti del circondario perché portiamo a spasso i nostri bambini persino tra settembre e maggio abbiamo un cuore, lei comunque la imbacucco a dovere…

http://imageshack.com/a/img69/5489/d6df.jpg

Ora, mi rendo conto che possiamo sembrare buffe, specialmente per persone non esattamente giovanissime ma…perché mi fermano sistematicamente per chiedermi se porto a spasso una bambola o un bambino vero?! Perché mai dovrei girare con una bambola a tracolla?!

 

 

 

 

 

 

This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

9 Responses to Il Fight Club Delle Mamme: il marsupio

  1. Laperfezionestanca says:

    Ma stanno fuori come polene? Risposta corretta a questo tipo di richieste e a tutti i cazziatori vari: sorriso a trentadue denti, voce dolce e suadente, tono di felice accondiscendenza e ….. Ma una forchettata di @azzi suoi non se la fa mai, signora cara? E via in marcia!

    • RominaFan says:

      Guarda che è incredibile: ti ci fermano per strada per dirti che fa freddo per uscire con la bambina. Che poi, freddo…tre giorni fa eravamo a spasso e c’erano le farfalle, pensa tu quanto freddo poteva fare! Quanto al marsupio, io ogni volta mi ammazzo dal ridere: ma trovami una cavolo di spiegazione per cui io, a 30 anni, dovrei girare con una bambola nel marsupio. Comunque, mi sa che è proprio l’oggetto che, inspiegabilmente, in Italia ha preso poco piede e quindi molte persone non lo hanno proprio mai visto, perché un’amica che mi diceva che a lei la fermano per chiederle se dentro ci tiene il cane, perché loro lo tengono in un attrezzo simile…e poi son strana io che nel marsupio ci tengo l’umpa lumpa!!

  2. 4p says:

    Altre scuole di pensiero, che ci vuoi fare??!!!!
    Mia madre mi chiede ancora: “ma è coperto abbastanza? Mangia? Sta bene?…………”
    Ed è mia madre, porta pazienza e poi sai cos’è che Claudia è talmente bella che pare una bambola. Sono finalmente riuscita a vederla su facebook di una amica, perchè io non ce l’ho. E’ belliZZimissima!!!!!!!!!!!!!!!
    Abbraccio 4p

    • RominaFan says:

      Ma dai?! Visto che patata?! Modestamente m’è riuscita bene, anche se al momento puzza da un kilometro, ma è un problema facilmente risolvibile!! Per un attimo ho pensato che ti avessi tra i contatti di facebook e che avessi fatto uno dei miei soliti figuroni di guano perché non avevo collegato il nome al nick-name…
      Oh, io per fortuna ho mia suocera che ha una precisa scuola di pensiero “i bambini vanno fatti uscire ogni giorno e con qualsiasi clima, se piove prendi l’ombrello e vai. L’unica limitazione è il vento!”.
      Poi, senti, io faccio parte di quella schiera di bambini che venivano tappati in casa tutto l’inverno e – non si sa come – si ammalavano il triplo dei bambini che si rotolavano nelle pozzanghere…Il peggio veniva con le prime temperature miti o addirittura con i primi caldi: mamma magari mi concedeva di andare a giocare in cortile con gli altri bambini ma mi metteva la maglia di lana e il lupetto a collo alto. A maggio. A maggio a Roma è già estate. Uscivo bardata come un’alpaca e lei mi diceva “mi raccomando: guai a te se sudi!”. Presto detto come mai stavo sempre male!!
      Claudia preferisco esca sempre, evitando ovviamente i temporali forti, il vento e gli sbalzi di temperatura. In pratica, la tempro nel corpo e nello spirito. A gennaio la porto in pannolino sulla neve, poi voglio vedere se mi dicono qualcosa!

  3. Claudia says:

    Quando uscivo con il pargolo e lui si metteva a piangere c’era sempre qualcuno che ti diceva sicuramente ha fame, no ha sonno, no ha fatto la cacca e via discorrendo. La meglio è stata però la signora che con lui vestito con camicia, gilet e papillon mi ha chiesto se fosse una femmina, al mio sgranare gli occhi mi ha detto “sa i bambini si somigliano tutti!”
    baciotti
    Claudia

    • RominaFan says:

      Ah, quella è normale amministrazione…l’altro giorno avevo lei con pantaloni viola/fuxia, scarpe e fascetta con le roselline in testa, tutto dello stesso colore. In tre mi hanno chiesto se è maschio…passi che se la vedi vestita di colore neutro me lo chiedi, ma così…!!

  4. Ilaria says:

    Ti stimo!!! Anch’io, pur non essendo ancora mamma, la penso come te!! Mia mamma da bambina era ridotta come te, mia nonna la teneva sempre al chiuso e al “riparo”. Quando è stato il suo turno di gestire i figli, ci ha temprati nel corpo come stai facendo tu.. Le sono immensamente grata per non essere stata una mamma iper ansiosa e protettiva, in futuro vorrò essere come lei.
    Un bacino a Claudia!

  5. rita says:

    …pensa cosa me ne sentivo dire io, 22 anni fa, con Federico nel marsupio e pure (volutamente) girato al “contrario”, ossia con il viso in avanti (lo schienale era abbastanza morbido da trasformardi in “davanzale”!!!!)….

    ….in realtà cambiavo spesso “le pile” al bambolotto, in modo che si muovesse come se fosse vero!!!!

    • RominaFan says:

      No, la mia bambolotta va in stand-by appena esce di casa…uno di questi giorni arriverò al bar per il consueto cappuccino e mi renderò conto che l’ho lasciata a casa e non me ne sono accorta!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *