Come ogni anno…uova dell’AIL 2013

Ve lo ricordo, come ogni anno: il 4-5-6 aprile potrete comperare le uova di Pasqua dell’AIL.

Purtroppo, per certe cose (e non finirò mai di arrabbiarmi), i social network fanno più danni della grandine: link che vi dicono che potete guarire dal cancro facendovi clisteri col caffè e altri che dicono che la ricerca non va avanti perché le case farmaceutiche non vogliono e bla bla bla…E non parliamo di quello che si vede in TV, dove chi dice che si può guarire dal cancro con le centrifughe di frutta avrà un sacco di morti sulla coscienza.

Io posso dirvi solo una cosa: se mi fossi ammalata anche solo 15 anni prima, messa com’ero, al III stadio, con un bulky di 11cm e altre masse (di preciso non so nemmeno quante) di 4cm e 5cm sparse sopra e sotto il diaframma, di sicuro non l’avrei raccontata. Ma mi sono ammalata nel 2005, quando la ricerca sui linfomi aveva fatto passi da gigante. La racconto, scoppio di salute e ho avuto una bambina. Tutto questo era impensabile solo pochi anni fa, perché venti, venticinque, trent’anni non sono niente per la ricerca.

La ricerca c’è e va avanti, anche se c’è ancora tanto da fare, dal cercare farmaci più efficaci all’offrire assistenza alle famiglie dei malati che vengono da fuori…le uova le dobbiamo comperare comunque. Ai bambini comperiamo quelle delle principesse o di spiderman…tra adulti pensiamo a queste…

10153731_10152345542154289_968994495_n

This entry was posted in Attualità, Blog Terapia, Cancer Bloggers, Cancro, Linfoma di Hodgkin, Mamma e Cancer Blogger, Pensieri e Parole, Piccoli Piaceri della Vita, Sogni. Bookmark the permalink.

7 Responses to Come ogni anno…uova dell’AIL 2013

  1. rita says:

    ..io le regalo anche ai bambini….le “grandi marche” già ne prendono di soldi…..

    • RominaFan says:

      Esatto…allarghiamo il target. Tra parentesi il logo con gli omini dell’ail è sicuramente meglio del grugno di Peppa Pig!

  2. tania says:

    mi zia si è ammalata di linfoma (credo di Hodgkin) a fine anni ’60, ed è morta poco dopo a soli 20 anni, il giorno di san Valentino.
    Non esisteva alcuna cura, l’hanno solo portata a Lourdes sperando in un miracolo che non è arrivato.
    In tutti questi anni invece si sono trovate delle cure, e di linfoma si guarisce sempre più spesso, e questo SOLO GRAZIE ALLA RICERCA E ALLA SPERIMENTAZIONE. io sono biologa e so quel che dico. Andate a comprarvi un uovo Lilt, che vi fa meglio di un clistere col caffe!

    • RominaFan says:

      Quanto male fanno quelli che vanno a dire il contrario, Tania…a seminar frottole e sfiducia si fa un gran male.

  3. Ilaria says:

    Cara Romina, ero certa che avresti ricordato anche quest’anno l’appuntamento con le uova AIL. Se mio nonno non si fosse ammalato 20 anni fa, sono certa che sarebbe qui con noi e mi vedrebbe diventare medico. Domani andrò ad acquistare le uova pensando a lui. Come ogni anno. E anche a te, così accanto alla lacrima ci saranno anche il sorriso e la consapevolezza di quanti traguardi sono stati raggiunti finora grazie alla Ricerca.

  4. Laperfezionestanca says:

    Si, però queste sono le uova 2014. Guarda il titolo…

    • RominaFan says:

      Herm….ham….bhe…ecco…OVVIAMENTE l’ho fatto di proposito per vedere se eravate attenti…herm… 🙂 SEMPRE PEGGIO!!!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *