L’Amore è…mali comuni e pareti sottili

“Maschio Alfa, sulla poltrona in cameretta ti ho lasciato i vestiti da mettere a Gengis Khlaudia, preparala. Io vado in bagno così ci sbrighiamo e usciamo”

“Ok”

Due minuti dopo, attraverso la porta del bagno:

“MinaMina, dove sono i vestiti da metterle?”

“Nel congelatore” rispondo con lo spazzolino in bocca

“Quanto sei scema, non li vedo”

“Sono sulla poltrona”

“No”

“Alfa, ora vengo lì. Se li trovo sulla poltrona le buschi”

Sciacquo il dentifricio dalla bocca, vado in camera e – udite udite, sulla poltrona trovo una sgargiante salopette arancione. Alzo il sopracciglio sinistro, ruoto la testa lievemente verso destra, gli mostro i vestiti.

“Prima non c’erano, ce li hai messi tu adesso…”

Soffio come un gatto e torno in bagno. Il tempo di rompere il ghiaccio con Mr. WC e di nuovo…

“MinaMina…quali scarpe devo mettere?!”

“Quelle che vuoi”

“Se metto gli stivaletti, li devo mettere sopra o sotto i pantaloni?”

Resto seduta con la testa tra le mani per qualche secondo. Perché si perde su cose che fa ottomila volte a settimana?

“Dentro, evidentemente”

“Ok”

Torno ai miei impegni e già che ci sono vedo se riesco a passare il livello di Candy Crush.

“MinaMina…dov’è il felpone rosa?”

“Che ci devi fare?!”

“Così è leggera…”

“Leggera? Body a manica lunga, maglietta, salopette…ed è leggera? Ma siamo in Alaska?”

Scoprirò solo più tardi che sotto la salopette le ha messo anche la calzamaglia. Non sia mai che le temperature polari dell’inverno romano ci ibernino la figlia.

Passano altri dodici secondi

“MinaMina….”

Mi parte l’embolo. Sei il ritratto della collaborazione coniugale, non dico che come genitore sei in tutto e per tutto sostituibile a me ma quasi e ti perdi in continuazione sulle banalità. Sono in bagno, santa pazienza.

Sento un’ondata di magma che sale…

“AHO E BASTA! MA AVRO’IL XXXXX DI DIRITTO DI STARE DIECI MINUTI IN BAGNO IN SANTA PACE?! POSSO, DICO POSSO METTERMI UNO STRA-XXXXX DI TAMPAX SENZA ESSERE INTERROTTA VENTI VOLTE IN MENO DI UN MINUTO?!”

Cala il silenzio in casa.

Dal bagno della mia vicina, adiacente al mio, parte uno scroscio di applausi e un “BRAVAAAAAAA!!!!!”

Vedo che i problemi sono sempre gli stessi per tutte…

L’Amore è…è in gamba? Sì. E’collaborativo? Tantissimo. E’un Y? Sì. E un Y è sempre un Y…

This entry was posted in Buffe cose della vita, Il fight club delle mamme, IT'S A GIRL!, l'amore è..., Pensieri e Parole, Piccoli Piaceri della Vita. Bookmark the permalink.

12 Responses to L’Amore è…mali comuni e pareti sottili

  1. Eleonora says:

    amen sorella! 😀

  2. Grazia says:

    Ho riso per un quarto d’ora…non è solo il mio allora…

    Grazia (Cicisbeo su Fb)

    • RominaFan says:

      Noooo, guarda, secondo me, togliendo i casi patologici, la maggior parte dei mariti è perfettamente interscambiabile…potresti tenerti il mio una settimana e risponderesti sempre alle solite domande…

  3. Giusi says:

    ahahahahah siamo diversi e più precisamente, il fattore Y è diverso!

  4. Romina says:

    Sto ancora ridendo! …..e comunque mio figlio ora ha 6 anni e ogni mattina, quando sono in bagno, mi sento ancora fare le stesse domande….o dal maschio alpha o dal piccolo maschio alpha…..(perché buon sangue non mente)….rassegnati…..un consiglio…..se possibile aspetta che escano di casa e solo a quel punto vai in bagno…..

    • RominaFan says:

      Ma il bello è che se sono sola con Claudia il problema non si pone. Il pomeriggio lei dorme e io vado. I problemi nascono quando, con o senza Claudia sveglia, ho lui in casa…aiuto!
      Dai, consolati…mia sorella ha un Maschio Alfa e tre Maschi Alfa Junior…

  5. Ottavio says:

    mai letto “gli uomini vengono da marte le donne da venere”? 😉

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *