Figlio del coraggio

Piccolo Imperatore,

Se tua sorella nasce da una speranza sfolgorante e quasi ingenua, tu sei figlio del coraggio. Perché per avere te, credimi, ho veramente dovuto attingere alle ultime stille di coraggio che conservavo da qualche parte, nascoste sotto cumuli di disperazione e solitudine. E’ lì che sei germogliato tu. Tu contro le statistiche, tu contro un corpo che anche stavolta è stato aggressivo e inospitale, che abbiamo dovuto sedare perché si facesse culla. E così come fu con tua sorella, io dalla nostra parte avevo una cosa sola: l’incomprensibile e totalmente ingiustificata certezza che stavolta le cose sarebbero andate diversamente. Qualcosa che andava al di là delle inevitabili notti insonni prima delle ecografie, al di là dei pensieri che avrebbero potuto aggredirmi durante le lunghe settimane trascorse a letto, al di là del fatto che un altro “mi dispiace, non c’è battito” non lo avrei retto. Come se tu credessi senza riserve nelle tue possibilità, e se ci credevi tu, dovevo crederci per forza anche io.

Non è stato facile, sinora: le medicine, i loro effetti collaterali, le continue visite con una moltitudine di specialisti diversi, la comprensibile ma al contempo avvilente cautela di chi, con o senza camice bianco, ti invita a sperare per il meglio ma aspettarti il peggio, le balle raccontate per giustificare una totale sparizione dalla circolazione, papà che si è dovuto fare totalmente carico della casa, di tua sorella, di me. Parliamoci chiaro: gravidanze come questa vanno avanti solo quando hai un Uomo come tuo padre accanto, che da mesi gira come una trottola fino a crollare sul divano russando con gli occhi aperti pur consentirmi di non fare praticamente niente. Non a caso è un Maschio Alfa, sai.

No, non è stato facile, sinora. Ma siamo quasi a metà strada e mi sento bene, quel bene che viene da dentro e che surclassa ogni effetto collaterale, ogni limitazione della libertà di movimento, al di là di ogni “ma sì, signora, facciamo anche questo accertamento o questa consulenza, non si sa mai”.

Ma alla base di tutto questo ci sei tu. Tu che hai cominciato a farti sentire prestissimo, come se dovessi assicurarmi della tua presenza. Adriano come l’imperatore. Fratello piccino di Claudia, Claudia come la principessa sorella di Augusto, quella che ti sta rintronando di ciarle.

Coraggio, ragazzo mio, siamo quasi a metà strada e il bello deve ancora venire, e tu hai ancora un mucchio di cose da fare entro il 20 agosto o giù di lì…sembra un sacco di tempo ma passa in fretta.

Con amore

Mamma

 

This entry was posted in Buffe cose della vita, Effetti collaterali a lungo termine, Follow Up e Visite Varie, Il fight club delle mamme, IT'S A BOY!!, Linfoma di Hodgkin, Mamma e Cancer Blogger, Pensieri e Parole, Piccoli Piaceri della Vita, Sogni. Bookmark the permalink.

12 Responses to Figlio del coraggio

  1. Iaia says:

    Evviva! meta’ strada e’ gia’ un bel pezzo. Sono sicura che ti arriveranno un sacco di energie positive da tutti noi, dopo questo annuncio.
    Un abbraccio, Iaia.

    • RominaFan says:

      Grazie mille! Sì, diciamo che nel mio caso i problemi si presentano all’inizio, proprio nelle primissime fasi, di solito entro le prime otto o nove settimane al massimo. Purtroppo non siamo riusciti a capire perché. Abbiamo tentato una terapia di supporto e pare che abbia funzionato. Ora sicuramente dovrò portarla avanti almeno sino alle 32 settimane, per sicurezza. Sono così felice…

      • federica says:

        Romina, sono così felice. Ti leggo da tanto, tantissimo tempo, dal tuo post numero 1. Ho sorriso e versato qualche lacrimuccia leggendo i tuoi pensieri, i tuoi squarci di vita. Ho ammirato tanto il modo in cui hai affrontato il post malattia, perchè alla fine quella è la parte più difficile, sapere cosa può accadere se…e costruire la vita e le opportunità invece di buttarsi giù.
        Ecco adesso che devo trovare la forza anche io, per sorreggere il mio futuro marito, ad affrontare questo parola terribile chiamata tumore, prendo tanta forza e positività dalle tue parole. Spero che anche per noi, presto, ci sia solo rinascita e un fratellino a far compagnia al nostro bimbo di 14 mesi. Ti abbraccio forte

  2. Ilaria says:

    Romina!!! Sto piangendo dopo aver letto questa meravigliosa notizia! E’ una gioia immensa e sincera per Te, per Voi, per Claudia. CONGRATULAZIONI MAMMA!!!
    Coraggio, piccolo imperatore, sto facendo il tifo per te come faccio in silenzio da anni per la tua mamma.
    Questa felicità è davvero grande e mi dà forza e coraggio: devo attingere anche io alle ultime stille di coraggio nascoste sotto cumuli di disperazione e solitudine, anche noi ci siamo sentiti dire pochi giorni fa “mi dispiace, non c’è battito”. Ho il cuore in frantumi ma leggere di Voi lo sta disinfettando.. Quindi, ancora una volta, GRAZIE. DI CUORE.
    Vi abbraccio forte!

    • RominaFan says:

      Mi dispiace tanto, Ilaria. Ahimè so bene cosa provi. E’ un dolore che difficilmente si comprende, perché un lutto senza funerale. Senza un vero addio. Ti sono vicina e se ti vuoi fare una chiacchierata…la mia mail è sempre quella. Un bacio grande grande…

      • Ilaria says:

        Ti ringrazio Romina.. Hai proprio ragione, questo è un dolore lacerante e incomprensibile. Ho approfittato della tua mail e ti ho scritto.
        Un grosso abbraccio! E tifo per voi.

  3. mapiova says:

    Congratulazioni!!! Mi sbaglio se dico che questo post ha qualche correlazione con l’ultimo post che hai scritto per il blog di Repubblica?

  4. Laperfezionestanca says:

    Ssssiiiiiiiiii! Anche se non mi vedi io sono qui con le braccia alzate in segno di trionfo! Brava Romina, brava! E un doppio bravo per il papà, che non si stanca di farsi in otto. E coraggio, zitti zitti sempre avanti.

    • RominaFan says:

      Ohi! Sì, avanti a testa bassa…bassa almeno finché riesco a guardarmi i piedi, almeno, perché presto dovrò cominciare ad allungare il collo per guardare dove vado!

  5. Sara says:

    Ma che notizia stupenda!!! Mi sembra ieri che avevi scritto il post sulla piccola Claudia.. e guarda ora che meraviglia.. un fratellino 🙂
    Congratulazioni alla vostra meravigliosa famiglia da una lettrice (quasi sempre) silenziosa 😀

  6. Michela says:

    Questa si che è una bellissima notizia: CONGRATULAZIONI!!!
    ti leggo da tanti anni, silenziosamente, ma stavolta non potevo stare nascosta 🙂

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *